Permessi di paternità: la polpetta avvelenata del mammo coatto

Permessi di paternità obbligatori

la polpetta avvelenata

dell’ubbidienza degradante

 

.

Non ci si azzardi ad obiettare qui con la subdola, vile e beffarda domandina: “Cosa c’è di male se un uomo cambia i pannolini e somministra le pappe…?!”. Perché non è una domanda. E’ un’insinuazione.
.
Non ci si azzardi a rivolgerla a uno – come me – che lavava i piatti e faceva il bucato ad 11 anni (e rammendava pure i calzini, come si faceva nell’epoca precedente lo scialo del consumismo). Si faccia pure avanti chi ha iniziato prima di me. Resto in attesa.
.
Non ci si azzardi a mescolare le carte, a giocare sporco inquinando la micidiale trasparenza del fatto che:
i permessi di paternità obbligatoria sono una proditoria imposizione femminista, una prevaricazione moralmente indegna ma degna di Colei che impone, qui come altrove manu militari, quale dovere ciò che per lei è stato ed è un diritto, come obbligo ciò che per lei è facoltà.
.
Di Colei che, giustamente, rifiuta ogni imposizione e subito corre ad imporsi, respinge ogni invasione e subito invade il territorio altrui. Rifiuta l’obbedienza ed esige subordinazione. Non vuole piegare la testa – e fa bene – e all’istante punta la pistola alla nuca del nemico. La pistola del Bene.

Ecco perché i permessi di paternità obbligatori vanno rifiutati: perché sono una polpetta avvelenata. Lo scopo è ben altro da quello dichiarato, è l’imposizione della Sua Volontà sopra quella del nemico, è la coartazione della psiche maschile.  E’ un nuovo oltraggio, non perché cambiare i pupi sia umiliante ma perché degradante è l’ubbidienza.

E devastante è quella di cui devi negare l’esistenza.

Che poi il padre accudente non possa – oggi – essere altro che un mammo (patetica entità di serie B) non dipende da ciò che si fa in casa, ma dai rapporti di potere interni: potere totale di F, ridicola impotenza di M.

Non uomini-padri che scelgono come persone libere e coscienti. Questo non è accettabile. Ben altro lo è oggi. Buono, lodabile e celebrabile è il maschio che finge di volere liberamente ciò che liberamente non può: il mammo coatto.

L’uomo degradato dall’imposizione imperial-femminista. L’uomo a brandelli.

Permessi di paternità obbligatori: una proposta che non si può rifiutare. Per questo va rifiutata!

 

3 Responses to Permessi di paternità: la polpetta avvelenata del mammo coatto

  1. ericlauder ha detto:

    Bell’articolo ma manca un filino di concretezza, e mi permetto di aggiungerla:
    Sono una polpetta avvelenata perché OVVIAMENTE si potrà licenziare il lavoratore uomo. Sarà abbastanza difficile che accada a seguito di soli 10 giorni, ma di sicuro diventerà pratica comune se diventano ancora di più.

    La Cassazione ha già stabilito che il lavoratore uomo che si sposa, a differenza della lavoratrice femmina che si sposa, può essere licenziato perché solo la maternità è tutelata in Costituzione.

  2. RDV ha detto:

    E’ così.
    Ma chi osa opporvisi?
    Chi ha mai osato farlo?
    .
    Osserviamo impotenti da decenni questo schianto degli UU.
    Questo degrado senza fine.

  3. Sandro D. ha detto:

    >>>>
    Ecco perché i permessi di paternità obbligatori vanno rifiutati: perché sono una polpetta avvelenata. Lo scopo è ben altro da quello dichiarato, è l’imposizione della Sua Volontà sopra quella del nemico, è la coartazione della psiche maschile. E’ un nuovo oltraggio, non perché cambiare i pupi sia umiliante (io l’ho fatto) ma perché degradante è l’ubbidienza.
    >>>>

    E’ così, nella maniera più assoluta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: