Anche

Depistaggio radicale

Dove tu hai il dovere, anche lei ha il …diritto

Lo confesso apertamente: anch’io sono caduto nell’anche. Anch’io per alcuni lustri me la sono bevuta, come un pirla qualsiasi. Metà della colpa la assegno ai cattivi maestri che ho avuto. A cominciare dai grandi filosofi per finire con gli intellettuali moderni di tutte le risme, compresi i prof, i preti e i pennivendoli non solo di Sinistra (perciò femministi) ma anche di Destra (il che potrebbe stupire, giacché sarebbero antifemministi doc. Sarebbero…).

Ho creduto al coro: anche le donne hanno il diritto di…

Anch’io pensai che, avendo il diritto di avere un lavoro lo dovesse avere anche mia sorella. Cosa c’è di più ovvio? Se io avevo il diritto di fare il soldato, anche le femmine dovevano averlo (pur se in separata sede…). E via con l’anche...

Dopo anni di cretinismo, un vero colpo di genio… …io non feci la naja perché ne avevo il diritto ma perché era arrivata la cartolina precetto. L’ho fatta perché ne avevo il dovere. Gulp! Illuminazione.

Qualificavo come mio diritto quel che era invece un dovere, un obbligo, una necessità. Mettevo sullo stesso piano i miei obblighi con la sua facoltà, le mie costrizioni con la sua libertà. Bischero io, certo, ma in un mare di babbei.

Illuminato, mi accorsi che avevo fatto la naja obbligatoria, non pagato e con le corvée mentre le “subalterne” hanno rivendicato e ottenuto il diritto alla scelta, stipendiate e libere da pulizie e servizi. Peggio, mi sono accorto poi che già ai miei tempi c’erano volontari che venivano pagati e non facevano corvée. Gli ufficiali.

Capita l’antifona, è bastato roteare il faro a 360 gradi per contemplare un panorama indecente, provocatorio, oltraggioso.

Tu lavori perché devi, lei perché può. Se non hai reddito nessuna ti fila, se non ha reddito lei ce l’ha qualcuno per lei. Le femmine non hanno mai sposato disoccupati e invece tutte, anche senza reddito, hanno avuto ed hanno una vita altrettanto appagante e significativa (sesso compreso) come te. O altrettanto misera e insignificante, se vogliamo, ma pur sempre come la tua.

Per avere un tetto sulla testa, un piatto di minestra calda, dei figli ed una vita relazionale piena (o vuota come la tua) non hanno mai avuto bisogno di avere un reddito proprio. Le donne. Hanno il reddito del partner, da centomila anni.

Per te invece vale questa: homo sine pecunia imago castitatis, e, se capita, imago mortis.

Ci voleva un’illuminazione divina.  Prova che Dio, in assenza ormai di credenti, soccorre gli atei.

5 Responses to Anche

  1. Sandro ha detto:

    >>>>
    io non feci la naja perché ne avevo il diritto ma perché era arrivata la cartolina precetto. L’ho fatta perché ne avevo il dovere. Gulp! Illuminazione.

    Qualificavo come mio diritto quel che era invece un dovere, un obbligo, una necessità. Mettevo sullo stesso piano i miei obblighi con la sua facoltà, le mie costrizioni con la sua libertà. Bischero io, certo, ma in un mare di babbei.
    >>>>

    Pensa che la mia prima lettera cartacea “contro”, che scrissi ad un quotidiano locale nel lontano novembre 1986, trattava proprio la questione del servizio obbligatorio per i maschi ma non per le femmine.
    Ricordo che la fecero leggere alle liceali dell’epoca (ovviamente della mia città), che si “stranirono” non poco. (*)
    ———

    (*) Sia la lettera che le risposte, furono pubblicate sul Corriere dell’Umbria.

    • Sandro ha detto:

      Una di queste liceali (ormai ultra cinquantenne) si arrabbiò perché scrissi che “il giorno che vi permetteranno di svolgere il servizio militare (facoltativo), non verrete obbligate a combattere in prima linea come gli uomini, men che meno vi imporrano di tagliarvi i capelli”…

    • RDV ha detto:

      Non per niente sei il pioniere del Momas

  2. RDV ha detto:

    Infatti.
    Essendo io un paladino della libertà non vieterei mai l’insegnamento del femminismo a scuola. Renderei invece simmetricamente obbligatorio lo studio del racconto maschile. La nostra campana, per farla breve.
    .
    Già, ma dove trovare 10.000 Risvegliati in grado di farlo?

  3. Sandro ha detto:

    Altro scritto che dovrebbe essere fatto leggere agli studenti di questi due licei.

    https://www.galileiterni.edu.it/

    https://liceodonatelli.edu.it/

    Volendo pure a loro.

    https://ittterni.edu.it/ (*)

    ——————

    (*) Il “mio” (ex) Itis.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: