Salvate il trisnonno Ryan!

Non tutto il bene vien per nuocere

Ogni vita ha un valore inestimabile. Chi non concorda?

Tutti devono essere salvati ad ogni costo. Chi dissente?

Potrei io, in età da bisnonno, dissociarmi? Io, che mi aspetto di vivere altri vent’anni (aspettativa ragionevole vista l’età media dei morti in famiglia) o fregarmene di mia madre, lucidissima, archivio storico ambulante, che punta giustamente ai 100 ?

Mezzo mondo si sta gravemente impoverendo, milioni di disoccupati sono già sulla strada, forze nemiche della libertà sono di nuovo in azione, perché si vuol salvare me e i più vecchi di me dal saluto finale comunque prossimo o vicinissimo. Spesso persino tardivo se già fosse stato…

Vogliamo salvare i trisnonni. Siamo tutti pazzi. 

Consoliamoci: un valore morale – un’idealità – prevale sul calcolo e sulla materia. Qualcosa di umano.

4 Responses to Salvate il trisnonno Ryan!

  1. DanieleV ha detto:

    Probabilmente non è l’articolo giusto per fare questo commento, ma vorrei segnalare questo libro appena uscito nel mondo anglosassone: https://www.spectator.com.au/2020/04/womens-world/

    L’ho appena comprato sul Kindle, sono proprio curioso di leggerlo, ma alcuni passaggi della recensione sembrano presi pari pari da QMDT. Hai visto mai che…. gutta cavat lapidem?

  2. RDV ha detto:

    La tragedia è la rotta di collisione tra principi fondanti e irrinunciabili ma, in una data contingenza, incompatibili.

  3. armando ha detto:

    Argomento scottante ma attuale. E facilmente allargabile al tema dell’accanimento terapeutico e della tecnica che consente di tenere in vita persone il cui viaggio sarebbe terminato. Sogno di onnipotenza? Volontà di andare oltre la natura, di crearcene un’altra mentre distruggiamo quella avuta in eredità, coi suoi lati positivi e quelli anche spietati? Ogni vita ha un valore inestimabile, è vero. Eppure alle volte siamo costretti a scegliere fra l’una e l’altra. Ed allora…. la ragione dice che fra un trentenne e un ottantenne , meglio salvare il trentenne. La ragione, ovviamente, ed anche la mia! Ma poi, quando messo alla prova, non so dire, onestamente, quale sarebbe la mia reazione. Se prevarrebbe l’istinto di conservazione o un atto di generosità. Entrambe, conservazione e generosità, umane, troppo umane,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: