“La grande menzogna del Femminismo” di Santiago Gascó A.

30/03/2019

Esito di quasi una decina d’anni di lavoro, annunciato da tempo e atteso con grande curiosità è ora in libreria l’opera di Santiago G.A. Qui la mia rece/presentazione. Ne parleremo a lungo.

Storia maschile dell’Occidente

.

La grande menzogna del Femminismo
di Santiago Gascó Altaba

La grande menzogna del Femminismo di Santiago Gascó Altaba (Ed. Persiani, Bologna) in libreria in questi giorni, è uno di quei saggi che si presentano al primo sguardo come opere di vasta portata capaci di aprirci ad una nuova visione delle cose. Libri i cui titoli non ingannano ma connotano bene il loro contenuto.

Si apre davanti a noi un’opera ponderosa e dalla grande ambizione, che mira alla decostruzione radicale del racconto femminista, oggi sovrano nell’universo conoscitivo, mentale e morale. Smascheramento operato attraverso una estesissima ricognizione della storia letta, finalmente, dalla prospettiva maschile.

L’autore parte infatti da un presupposto incontrovertibile: la storia a noi nota è, ad oggi, divisa in due versioni. Quella studiata e raccontata in una prospettiva universalistica dalla storiografia ufficiale, da una parte, quella prodotta dal femminismo, dall’altra.

Quest’ultima è stata creata con uno scopo preciso: essere lo strumento basilare della lotta femminista contro gli uomini. La prospettiva sessuata ne è il tratto essenziale, la sola ragion d’essere. Narrazione che sì è prima affiancata alla storia ufficiale, poi vi si è sovrapposta per diventare ormai il solo racconto ammesso in quanto l’unico moralmente legittimo.

Viceversa, la storia degli uomini, dal punto di vista maschile, ha iniziato ad essere delineata solo in tempi recenti. Prima d’ora gli uomini non hanno mai pensato di dover scrivere una storia su se stessi e a propria autodifesa. Lo fanno da poco tempo e in forma erratica. In questo contesto il lavoro di Gascó è quello più vasto, più approfondito ed impegnativo sin qui prodotto. Non esistono al mondo opere paragonabili.

L’autore ripercorre vasti tratti della storia dell’Occidente (e oltre) analizzandola sotto una molteplicità di aspetti, svelandone un numero impressionante di ignoti, insospettati, misconosciuti o conosciuti in modo parziale, perché trascurati come irrilevanti dalla storiografia classica o non ancora indagati dal movimento maschile internazionale.

Nella redazione di questa contro-narrazione ha privilegiato alcuni filoni di ricerca inseguendoli nel tempo: storia del lavoro e della guerra, della scuola e dell’istruzione, dei delitti e delle pene, della politica e della medicina, della cultura e dell’arte, delle forme religiose e delle tradizioni, in ogni caso e ovunque estraendovi verità occulte, ignorate, negate; qualche volta sospettate, ma spesso impensabili e sorprendenti. Ne esce un quadro che lascia interdetti, un resoconto che desta stupore.

Ci troviamo di fronte ad un testo che demolisce, pagina dopo pagina, quel racconto unilaterale e parziale, deformante e manipolatorio, truffaldino e fraudolento che porta il nome di Grande Narrazione Femminista. Sorprendente lettura che apre gli uomini ad una nuova visione di se stessi e del mondo.

Un’opera di storiografia sociologica che fornisce una mole impressionante di dati. Vi si rinvengono non meno di cinquemila quotation, riportate da dichiarazioni e testimonianze, da leggi e sentenze, da codici e trattati, da documenti e atti, da opere di pensatori e scrittori di ogni estrazione e orientamento, intercettati nel corso dei secoli. Superfluo poi registrare la quantità di dati e di riscontri, di ricerche e di statistiche di ogni tipo e genere che innervano questo eccezionale lavoro.

Certo, quest’opera ha un suo contesto. Santiago Gascó è pienamente inserito da tempo nel dialogo inframaschile italiano ed europeo della cui riflessione e delle cui acquisizioni in ambito storico, sociologico e filosofico è pienamente edotto. Se ne trovano qui riverberi evidenti.

Ora, se crediamo di aver tra le mani un’opera senza precedenti, destinata a catturarci per settimane, a lasciare il segno di un’avventura sorprendente, non sbagliamo. Se immaginiamo di trovarci davanti ad una miniera da cui estrarre sine die dati e numeri, aneddoti e racconti, testimonianze e statistiche, non resteremo delusi.

Una pietra miliare.

R. Della Vecchia – Marzo 2019
______________

Santiago Gascó Altaba La grande menzogna del Femminismo
Ed. Persiani, Bologna, 2019, 1° volume, p. 612, € 19,90 ISBN 8885804993

Disponibile da aprile 2019 – (2° volume in corso di stampa).

Persiani Editore

Libreria Universitaria

Annunci

Mentire senza pudore

29/10/2018

La questione dei “preti pedofili” sta minando la credibilità residua della Chiesa. Piaccia (agli anticlericali, ai professanti ateismo, alle femministe ) o dispiaccia (ai credenti e a qualche ateo pensoso) si tratta una deriva che, con altre cause preesistenti e collaterali, potrebbe produrre esiti di importanza epocale entro un paio di generazioni.
.
Qui però mi occupo ancora una volta delle menzogne femministe citando questa, sul tema della pedofilia dei preti, che ha del favoloso.
.
Secondo le nostre femministe infatti la maggior parte delle vittime sarebbero donne, colpite bambine dai mostri allo scopo di distruggerne la personalità, di farle vergognare di stesse  e di intimidirle per sempre. Altra forma  di esercizio del dominio e della violenza maschile sulle DD.

Il rovesciamento della verità era – a priori – smaccato e palese.  Ma ho voluto indagare per averne conferma. Così ho contattato ReteAbuso al cui fondatore e presidente ho chiesto:

“Immagino che la grande maggioranza delle vittime siano bambini, non bambine. Dico bene?” “Certo”  “In quale proporzione: 60-70%” “Di più” “Siamo allora sopra gli 80% o vicino al 90%” “Guardi, su circa 700 vittime che si sono rivolte a noi le femmine sono una ventina.” 20/700

I maschi sono qui il 97%.

Se ne deduce che le prime vittime della pedofilia dei preti sono le femmine.

 


Contromano di F. Marchi

09/10/2018

In libreria dal 15 ottobre il nuovo saggio di Fabrizio Marchi, che in ambito Momas non ha bisogno di presentazioni.

Qui la mia recensione a questo nuovo contributo alla causa degli uomini.

Contromano

di Fabrizio Marchi

Diario di bordo delle cronache presenti

Ci sono uomini che non si rassegnano. Dotati di una lucida e cosciente pervicacia insistono nel navigare sfidando la tempesta, nel remare contrastando correnti che paiono invincibili. Uomini che resistono. Non perché ignari del presente – e del passato – o in preda a vaneggiamenti, ma perché mossi da una sorta di nolano Eroico Furore che non consente loro di rassegnarsi. Marchi è uno di questi. Un navigatore esperto per studi, riflessioni ed esperienze e particolarmente versato nell’analisi – anche cruda – della condizione sociale presente.

In questo suo lavoro, con l’attrezzatura rodata ma al tempo stesso aggiornata, punta la fiocina contro una vasta serie di eventi ed emergenze significative di questa stagione storica, in Italia e nel mondo.

Si occupa in queste pagine della dinamica del capitalismo globalizzato, delle sue conseguenze sui rapporti sociali e di classe, delle relazioni che intreccia con la politica nazionale e internazionale. Presta attenzione ai suoi risvolti sociali, anche di costume, ai derivati ideologici, al racconto che quella dinamica produce e da cui è prodotta. Indirizza poi l’occhio alle forze più o meno antagoniste, alla sinistra liberal e a quella radicale, ai loro errori, alle loro differenti derive. Indaga sulle opportunità offerte dalle antiche e nuove contraddizioni sociali e dalle emergenti potenzialità di una possibile proposta di alternativa.

Ciò che caratterizza e distingue la posizione dell’autore non è però la critica al sistema capitalista in versione turbo, nella quale può trovare ascolto ed una qualche condivisione, quantomeno …a sinistra della sinistra. Benché non manchino intuizioni personali sulla fenomenologia del liberismo totalizzante, non è ancora qui l’anomalia. Per dirne una, Fabrizio Marchi è forse il solo marxista in Italia a sapere perché fare la spesa la domenica sia Peccato Mortale. Il discrimine è un altro.

E’ quello che riguarda la sua posizione sul conflitto dei sessi. Che Marchi rappresenti in ciò un caso unico l’ho sottolineato in tempi non sospetti. Mi ripeto: ciò che rende cieco altrui ha invece illuminato lui. Una lettura critica – o forse semplicemente coerente – del marxismo, gli ha consentito di vedere ciò che sfugge alla totalità delle sinistre.

E’ dunque sul tema della guerra dei sessi, della questione maschile, del femminismo che l’autore va contromano in solitudine. Qui sta il busillis, perché è su origine, natura, funzioni, forma e portato di quel movimento che entra in dissonanza con i parametri del pensiero pur alternativo e critico del campo marxista, comunque inteso. E’ facile accusare “un certo femminismo” o “le femministe arrabbiate” o “il genderismo estremista” per motivare critiche, distinguo e persino blande condanne. Lo fanno tutti.

E’ facile prendere le distanze dal politicamente corretto, fingendo di non sapere che la formula e il suo contenuto sono un parto del femminismo californiano. Marchi invece non finge di non sapere. Che ideologie e ideoutopie abbiano una origine sociale, un luogo-tempo, una classe (o un suo segmento/partizione) come gestante e partoriente, lo sanno tutti. Ma giunti al femminismo, ora parametro universale del bene e del male– miracolosamente – lo dimenticano. Lui no.

Ecco dunque questo saggio, articolato in capitoli di varia ma non eccessiva lunghezza, al tempo stesso autonomi e interconnessi. La diversità dei temi non nasconde il filo conduttore che sottende le considerazioni: la weltanschauung del tastierista. La scrittura ha un ritmo sostenuto, talvolta incalzante ed è perciò bene non distrarsi per non smarrire la catena delle argomentazioni. Non vuole essere un trattato sistematico e perciò lo si può ben aprire a piacimento. Certo lo si può leggere anche dalla prima pagina …senza perdere nulla. Si andrà comunque incontro a considerazioni intriganti su Destra e Sinistra, globalizzazione e liberismo, coscienza e falsa coscienza, classi e conflitti, sacro e profano, consumi e dipendenze, scuola e Chiesa, sesso e capitale, tecnica e capitalismo, fascismo e liberalismo, immigrazione e xenofobia, manipolazioni e psiche e via sfogliando.

Alternate a queste, troveremo osservazioni e analisi, spesso contundenti, sul grande conflitto tra i sessi. Sulle diverse facce del femminismo, sui rapporti della sinistra con questo movimento, sulle sue capacità mistificatorie, sulla manipolazione del politicamente corretto, sul genderismo, sulla condizione materiale e morale degli uomini e dei padri. Sul potere materiale, mediatico e infine psichico-morale di questa nuova creatura del capitalismo e della tecnica giunti a questo, non necessariamente ultimo, stadio.

Si naviga di bolina stretta contro una gelida buriana. Eppur si naviga.

Rino Della Vecchia – Ottobre 2018


Il Codice Penale della nuova aristocrazia

01/09/2018

le Ariane e i Malriusciti

a ciascuno il suo Codice

La Spagna, anticipata dalla Svezia sullo “stupro colposo”, recupera lo svantaggio introducendo per prima al mondo la prospettiva dello sdoppiamento del Codice Penale.

Uno per Lei, un altro per lui.

Ciò che era inimmaginabile solo dieci anni fa è ora alle porte. E’ tra noi.

Due Codici Penali sin son visti all’epoca delle aristocrazie terriere: uno per gli Ottimati, l’altro per la plebe.

Sembra una svolta epocale, una rivoluzione, uno sconvolgimento senza pari.

Sembra: non è che la formalizzazione di quel che sentenziano da sempre i tribunali. La giurisprudenza viene finalmente raggiunta dalla legge formale. Il “diritto positivo” infine si adegua.

Da sempre nei tribunali vale il doppio peso e la doppia misura.

Per la plebe vale questo:


La stupefacente leggenda della pillola nella “liberazione sessuale”

03/08/2018

Una leggenda fantastica

Ci sono cose che tutti sappiamo, di cui nessuno ipotizza neanche lontanamente che siano, o al meno possano essere, false. Verità assodate, certe come la morte, assolute, indubitabili.

Una di queste riguarda il ruolo decisivo della pillola nella c.d. “liberazione sessuale” in Italia. Da 50 anni questa verità indubitata e indubitabile viene riportata in tutti i contesti, su tutte le fonti possibili e immaginabili ed emerge nei dialoghi al caffé come sui tomi di medicina, sociologia, demografia, psicologia, sessuologia estrusi dai luminari accademici delle scienze umane. Tutti superinformati, supercompetenti, superesperti. E soprattutto supercritici.

Chiedo: per poter sostenere che la pillola è stata l’elemento decisivo nella c.d. “liberazione sessuale” qual è la percentuale di utilizzo che si stima necessaria? A priori, quale quota di FF utilizzatrici si vuole avere per poter sostenere – senza rendersi ridicoli – che la pillola è stata il fattore determinante in cotanta rivoluzione?

Nessuno dirà che basti il 1-2% per poter sostenere la tesi. Certo, se la quota fosse il 70%, o 60%, o 51%  non ci sarebbero dubbi. Ma, dati gli effetti culturali diretti e indiretti, l’emulazione sociale e tutto il resto della complessità della vita collettiva, concediamo volentieri che potrebbe bastare il 40%, oppure il 30% o forse anche il 25%.

Nessuno verrà a dirci che quote di utilizzo del 3-5 o anche del 7-10 per cento siano determinanti, decisive o anche solo importanti nell’innescare e nell’universalizzare un simile fenomeno collettivo talvolta celebrato addirittura come “rivoluzione”

Nessuno lo dirà, perciò lo dico io: durante gli anni 70 (appunto gli anni della “liberazione-rivoluzione sessuale”) la quota delle FF utilizzatrici non raggiunse mai il 5%. Arrivò al 10% alla fine degli anni 80 e si avvicinò al 20% verso il 2000. Adesso (2018) pare abbia superato il 22%.

E ci siamo tenuti larghi,  perché queste quote si riferiscono alle FF che usano qualche metodo. Sul totale invece (di quelle che hanno una vita sessuale) la quota è ancora ben lontana dal 20% (16.8% nel 2012).

Ergo? Ci stiamo bevendo un favola stupefacente da 50 anni.

Che sia la sola?

Che sia sterile?

O  usa la pillola come la maggioranza” delle italiane?


Le fonti non concordano nei dettagli. Per lo più non indicano la base di riferimento: se le FF “con vita sessuale” o se il sottogruppo: “con vita sessuale utilizzatrici di un qualche metodo”. Io ho riportato delle interpolazioni fondate in sostanza su dati AIED fornitimi direttamente nel 2004 poi integrati, aggiornati e confrontati.

Qui comunque un link  Soc. Ital. Contraccezione


Lo scopo della lotta

24/12/2017

Lo scopo della lotta è la lotta

La lotta non avrà mai fine giacché non ha alcun fine

Il cambiamento del corso delle cose, il riequilibrio della relazione tra i sessi, la protezione delle future generazioni maschili, la realizzazione di un’idea di giustizia, per una parte, la salvezza della comunità e della civiltà Occidentale per un’altra.
.
Queste sono le prospettive partecipate dalla stragrande maggioranza di quei pochissimi che, nei diversi paesi, hanno dato vita ai movimenti maschili.
.
In entrambi i casi dunque, un’idea di futuro, un orizzonte di mutamento capace di dare senso all’azione dell’oggi, di giustificarne i costi, di motivarne le ragioni.
.
Esiste però una minoranza in quella già microscopica minoranza di uomini.
.
Vi sono infatti alcuni che, alla luce dell’ipotesi finale, non lottano per il futuro ma per il presente. Lottano per rispondere secondo natura alla loro stessa natura. Lottano perché sentono che la lotta è l’essenza del loro essere. Volano perché hanno le ali, galoppano perché possiedono gli zoccoli, senza curarsi della destinazione, dell’obiettivo, dello scopo. Questi giacciono al di là, al di fuori, altrove. Non appartengono all’interiorità dei combattenti.
.
Per quei pochissimi, la lotta è fine a se stessa.
.
Al più – come corollario – potrebbe regalar loro nuovi lumi di coscienza. La percezione disincantata del come e del perché di questa deriva.

Non futuro, né memoria, non riconoscenza, né gloria. Non ce li aspettiamo e non li vogliamo.
Dovremmo affidare ai discendenti il giudizio sul nostro valore? La sentenza sul nostro operato?
.
Non dipendiamo dal futuro: ci giudichiamo da soli.
.
Se essere è essere percepiti, si sappia che ci percepiamo da noi stessi. Siamo il sostegno della nostra stessa esistenza.
.
Nessun avanzamento, nessun progresso, nessuna salvezza. Il domani fagociterà ogni cosa. Nuova psiche, nuovo passato: del presente ogni traccia sarà dilavata.
.
La lotta – per noi – non avrà mai fine.
.
Non ha alcun fine.
.
E’ senza scopo.

.
Perciò è sensata e indefettibile.


Crimen laesae maiestatis

25/03/2017

I crimini vanno puniti. E’ bello vedere che ogni tanto succede.

Di recente ne è stato perpetrato in TV uno abnorme. Qualcosa di imperdonabile e intollerabile, oltreché disgustoso e aberrante. Prontamente, duramente, esemplarmente punito. Questa volta e per sempre.

Si deve sapere che l’intera puntata di un sofisticato programma pomeridiano, uno di quelli in cui le Donne, ormai mature e sicure di sé, si mettono lealmente in discussione e ironizzano su se stesse, avente per oggetto i rapporti femmine/maschi (una novità, una vera chicca) verteva sull’ipotesi che le italiane non tocchino quei vertici di assoluta indefettibilità, di apicale eccellenza, di cristallina perfezione che pure tutti noi sappiamo essere vere.

Sia pure per scherzo, banale pretesto per ben più alte considerazioni, ben più acute e profonde riflessioni, si è osato ipotizzare che quella vera e incontrovertibile perfezione sia – absit iniuria verbis – macchiata da qualche vaga penombra, quella cristallinità segnata la impercettibili crepe.

Peggio. Si è voluto immaginare che tali ipotesi blasfeme derivassero dalla proiezione valutativa di un essere torvo e bieco, entità cavernicola, spettro del medioevo rinascente. Il maschio italico.

Insomma, si è osato assumere il giudizio paleomachista come parametro valutativo dell’essenza ontologica della donna italiana.

Oltraggio, infamia, scandalo imperdonabile.

Bisognava andare giù duri, agire immediatamente con sentenza senza appello. E così è stato.

Ma, si sa, prevenire è meglio che reprimere. Meno visibile …e più elegante.

Il prossimo folle che vagheggerà di scherzare sulla perfezione transdivina delle Ariane (italiche e non) sa, da oggi, cosa lo attende.

Noi già lo sapevamo.

*****

Paola Perego “Parliamone sabato” – Marzo  2017