Un avvocato illuminante

19/06/2021

L’avvocato Angelo Greco sta avendo davvero un meritato successo. Quando si occupa delle leggi e soprattutto delle sentenze (giurisprudenza) relative ai rapporti di coppia ed alle relazioni sessuali, conferma ciò che gli uomini del Momas delucidano e comunicano da anni. Ciò che stiamo dicendo da sempre e che, detto da noi, sembra una elaborazione, una interpretazione di menti paranoiche.

Di fatto egli, come noi, non fa altro che smascherare alcune conquiste imbarazzanti del femminismo in campo sessuale, riproduttivo, nella coppia, nelle separazioni etc., con le connesse conseguenze gravi e anche gravissime a carico degli uomini.

A volte sembra esprimere valutazioni politicamente corrette (cioè femministe) ma poi, nella sostanza, dice la verità, anche se non sempre completa e talvolta depistante.

Così è ad esempio nel caso dei doveri sessuali nella coppia che egli parifica, mentre la magistratura ha riconosciuto l’esistenza di diritti femminili (“diritti intimi”) negando che ne esistano di maschili.

Tuttavia la sua opera è meritoria anche perché il suo uditorio è immensamente più grande del nostro. Resta solo da sperare che i tantissimi suoi follower, che non crederebbero mai a noi, credano almeno a lui. E si risveglino dal sonno delle illusioni.

Qui i link ad alcuni suoi video sui temi detti.

Quando non è stupro

Sesso con la convivente-moglie

Violenza sessuale: cose da sapere

Fingere ricchezza e status è stupro

Frode nel concepimento e imposizione di paternità

Corteggiamento e reato

Aggiungo questo, altre info illuminanti al 95%

Preservativo e stupro

…e queste

Imposizione e sottrazione di paternità coatte

Se resta incinta: paternità coatta e obblighi a vita

Sesso con minorenne

I pericoli del matrimonio


Cromolandia: donne in magistratura

26/05/2021

.

Cromolandia, nel quadrante orientale della Galassia, è popolato da un’esoumanità divisa in due razze. La Gialla e la Verde. Anche là esistono leggi, giudici, sentenze, pene e prigioni. Anche là tribunali con esseri che giudicano e sentenziano ed altri invece condannati all’inferno. Questo era noto da tempo.

Recenti segnali raccontano però di una realtà sorprendente, inattesa. Si è venuti a sapere che sugli scranni dei giudici siedono soltanto i gialli e non vi si trova alcun verde. I condannati invece sono tutti verdi e tra di essi non si ritrova alcun giallo. Eppure non esistono leggi che impediscano ai verdi di diventare giudici, né viceversa che vietino l’incarcerazione dei gialli. Le leggi lassù sono imparziali. Il regno della parità.

Singolare realtà celebrata là come Fondamento Cosmico della Giustizia Suprema.

In Cromolandia sarebbe così da tempo, ma pare che di recente qualcuno si sia chiesto: “A quale titolo i gialli giudicano se mai nessuno di essi viene giudicato? Come mai sui banchi degli imputati ci stanno solo i verdi e sugli scranni dei giudici solo i gialli? Come osano i gialli condannare se non vengono mai condannati? Chi ha consentito ad essi di diventare giudici se mai vengono giudicati? Chi ha dato a quelli che non sono mai colpevoli il potere di condannare coloro che non riescono ad essere innocenti? Chi è stato? …e come osano gli ‘innocenti’ condannare i ‘colpevoli’ ?”

Chi ha orecchi per intendere, intenda.

Chi non intende, questa volta non sarà perdonato …da Dio. Figuriamoci da noi…


Stupro e sesso

12/05/2021

.

Secondo il femminismo lo stupro è il principale strumento di sottomissione della donna attraverso la paura, esercitata con la minaccia, e l’oltraggio, con l’esecuzione del crimine.
.
Dogma connesso è quello secondo cui lo stupro non avrebbe nulla a che vedere con il sesso, come dimostrerebbe il “fatto” che le donne vengono violate indifferentemente a tutte le età. Dato fondato sul nulla però “confermato” da episodi di donne anziane violate, magari nelle RSA.
.
Ma esistono anche i fatti veri, che talvolta sono coerenti con la nostra intuizione, secondo cui lo stupro è una rapina (in termini di psicologia criminale: una predazione sessuale) che colpisce nella stragrande maggioranza dei casi le donne giovani e assai meno o per nulla quelle di una certa età.
.
Ecco i dati riportati dalla Gabanelli (che non è misogina né al servizio del patriarcato) nella sua rubrica Dataroom sul portale del Corriere il 12 maggio 2021.
.
Denuncianti stupro per età: sotto i 13 anni = 9%, fascia 14-24 = 40%, fascia 25-34 = 20%, fascia 35-44 = 16%, fascia 45-54 = 11%, fascia over 55 anni = 4%.
.
Denunciano stupri dunque donne sotto i 24 anni nel 49% dei casi, sotto i 34 nel 69% e sotto i 44 anni nell’85% dei casi. Le aggressioni dunque calano in modo quasi verticale all’aumentare dell’età delle denuncianti. Precisamente quel che accadrebbe se lo stupro fosse una predazione di carattere sessuale non un metodo di sottomissione istituzionalizzato, ideato e perpetrato da pochi a vantaggio di tutti i maschi del mondo.
.
La menzogna femminista, ancora una volta, è smaccata, abnorme e ciononostante assunta come vera nel discorso pubblico e nei testi scolastici.
.
Quali ne siano gli scopi non è più necessario chiarire.


Digiuno ottimo e abbondante

22/03/2021

.

Razione K*0

Una femmina, sicuramente carica di ferite da granata, invalida e medagliata al valore, ci suggerisce di ispirarci alle razioni dei soldati per preparare ricettine divertenti, semplici e gustose.

La sovrabbondanza di derrate che gli eserciti hanno sempre garantito ai soldati non solo sul fronte, come è ovvio, ma anche nelle retrovie e persino alle mense dei generali, nonché la varietà, la gradevolezza, la pienezza di gusto, la quantità di calorie, l’appetibilità di quel bendiddio, induce a farvi riferimento per arricchire il ricettario famigliare.

Personalmente suggerisco di ispirarsi alle leccornie dispensateci ai campi estivi in Borgo di Morello (FI) e a Cassano Murge (BA).

Era il 1976. Eravamo in tempo di pace, sì. All’interno del paese, certo, diventato ormai la 5° o 6° potenza economica del mondo. Non avemmo né companatico né pane. Né acqua. Ci si arrangiò con i soldini della deca, facendo o chiedendo prestiti. Mendicando dai villici un po’ di mangime.

Ma la guerriera sa tutto, sa bene come vengono viziati a tavola i soldati, in tempo di guerra. Ignora solo come vengano nutriti in tempo di pace.

Adesso un generale è stato collocato nientemeno che a capo della logistica antivirus.

Qual è l’oltraggio, qual è la beffa?…


Delazione

22/03/2021

.

SI, E’ UN REGIME

Come in ogni regime che si rispetti, ben conformato, dotato delle qualità specifiche, stanno arrivando le denunce anonime: la delazione istituzionalizzata, sollecitata.

La notte avanza.


Otto marzo: ricordati di non scordare…

27/02/2021

.

 

…l’incendio della fabbrica Cotton, il voto nel ’46, l’entrata in magistratura nel ’63, l’aborto clandestino, lo stupro come reato contro la morale, il satee indiano, il guajo cinese, il wlad arabo, il pay gap, il body shaming, lo stalking, il mansplaining, il manspreading, il catcalling, il caretaking non remunerato, lo jus primae noctis, la cintura di castità, il delitto d’onore. Lo sfruttamento casalingo, la servitù in famiglia, la clausura domestica, l’infibulazione, la clitoridectomia, le molestie, la violenza fisica, corporea, psicologica, morale, emotiva, sessuale, mentale, materiale, economica. Gli stereotipi, i pregiudizi, le discriminazioni, le penalizzazioni, le esclusioni, le forclusioni, le intimidazioni, i ricatti sessuali, affettivi, economici. Il soffitto di cristallo. Gli abusi paterni, gli stupri coniugali, i femminicidi, lo stigma del mestruo, la sessualizzazione, la donna-oggetto, i costrutti sociali, i ruoli di genere, la strage delle baccanti, il ratto delle sabine, la lapidazione delle adultere, il matrimonio riparatore, il levirato, il sororato. Le smagliature della gravidanza, le lacerazioni del parto, l’imposizione della depilazione, l’induzione allo shopping. L’esclusione dalle facoltà Stem. Il  controllo del panopticon maschilista.

Le infinite violenze generate dai disvalori della società clerico-borghese, fallocratico-fallologocentrica etero-patriarcal-misogina e dalla logica del dominio machista di cui sei intriso.
.
Non dimenticarti di ricordare il costo dei tampax.


Legittimo delitto

25/02/2021

Il crimine lecito

Impianto di embrione contro la volontà maschile

Cos’è un crimine? La violazione della volontà altrui.
La violazione della volontà maschile è un diritto femminile assoluto. Una gloriosa conquista femminista. La prevaricazione e la rapina sono la cifra di quella pestilenza.

Il delitto antimaschile è legittimo.

L’universo maschile è il Lebensraum delle Ariene.


Merci, Annie

13/02/2021

Né gentilezza né perdono. Grazie.

Annie Ernaux dice che una donna conquista la sua libertà-felicità quando diventa acida e vendicativa verso gli uomini.
Gentilezza e perdono non sono contemplati, rendono schiave nelle catene del matrimonio.

Ora, cara Annie, il “perdono” (sentenza capitale) puoi tenertelo ed eventualmente usarlo per gratificazioni intime (mi si passi il francesismo), quanto alla gentilezza avevamo il sospetto che fosse falsa. Un artefatto del patriarcato, una condizione imposta e disumanizzante da superare. Precisamente. Ma sai, finché lo diciamo noi è solo perché siamo scarsi di patata, anime esacerbate, misogini dentro. Se lo dici tu invece siamo a posto.  Merci beaucoup!

I Separatisti Strategici (i REF)  ringraziano, ma anche i Tattici sono contenti. Il  vostro amore? Non lo meritiamo, è vero. Perciò, tenetevelo. Per cent’anni o per sempre.


Boom

06/02/2021

Boom di “femminicidi” durante il blocco rispetto al 2019

Lo dice l’ISTAT 

Siamo passati da 111 a 112

Lo “conferma” l’Ansa… 

Il Corriere invece ci parla solo dell’aumento dal 35 al 41% (giacché se il totale dei morti scende …ogni sua parte rimanente sale) come fanno anche Avvenire ed altri fogli del regime. 


Negazioniste

02/02/2021

.

Negazionismo femminista

Odissea del rancore

Le femministe negano. Negano il 95% di ciò che è esistito ed esiste perché è creazione maschile. Non ne parlano mai e sempre impediscono che se ne parli.

Parlano sempre del male, del bene mai.
Delle mille civiltà, delle infinite invenzioni, scoperte, creazioni che costellano la storia non si occupano. Vietano di occuparsene.

Non vogliono vedere la panoplia della ideazioni, delle opere, delle realizzazioni umane perché sono quasi del tutto il prodotto dell’ingegno, della fatica, del sacrifico, del coraggio, dell’entusiasmo, della genialità degli uomini.

5296988 5402x3601 #pandscape, #Free stock photos, #night, #cloud, #panoramic,  #explore, #panorama, #peak, #sunshine, #sun, #landscape, #sundown, #sky,  #montain, #tree, #hillside, #volcano, #sunlight | Mocah.org

Non vedono il bene, come fosse ovvio, dovuto. Sta là, nato dal nulla, autocreato. Gratuito come il sole, il mare, i monti. Scontato.

Non possono vedere perché il cuore è malato.

L’ammirazione s’è trasformata in rancore. Accecate dall’invidia, non vedono che quell’immensità è stata creata anche per loro. Non vedono il dono, se ne sentono offese.

Perciò nascondono, occultano, eclissano. Oscurano il bene: opera del nemico.
Negano, senza fine negano.