Lode ad un temerario: il prof. Strumia

Attacco al potere

Maschi migliori ma penalizzati in fisica

Il prof. A. Strumia di Unipisa- come si può leggere – ha osato attaccare senza diplomazia il dogma centrale del femminismo, ossia la menzogna secondo la quale F ed M sono uguali.  Ha affermato che sono diversi e che questa differenza si riflette, nel campo della fisica, in superiori risultati cui non corrispondono simmetriche carriere a causa delle quote e delle facilitazioni riservate alle femmine.

Ha affermato poi che le femmine sono più portate alla relazione con le persone e  i maschi con le cose. Tesi questa non negata, ma al contrario sostenuta dal femminismo stesso laddove e quando si tratta di celebrare la superiore empatia femminile, con tutti i risvolti e le conseguenze del caso.

Non ci sono dubbi che le DD siano superiori agli UU su un grande spettro di relazioni e non ci sono dubbi neppure sul fatto simmetrico con riferimento, è ovvio, ad altri versanti dei rapporti con l’esistente.

Non ci sono dubbi di sorta sulla radicale e irriducibile, visibile e invisibile, grossolana e sottile differenza.

Non ci sono dubbi che in questo o quel settore, su questo o quel versante, l’una superi l’altro e viceversa su altri.

Non ci sono dubbi sulla differenza naturale tra i sessi.

La negazione di questa verità è appunto il Dogma Centrale della narrazione manipolatrice  femminista. La grande menzogna del nostro tempo.

.

Strumia è tra i pochissimi – benché non il primo – che abbiano osato proclamare pubblicamente quella verità fondante.  Quei pochissimi l’hanno pagata cara. Pagherà anche lui.

Come Larry Summers direttore di una università che ha questo motto: 

…e che perse il posto per averci creduto.

Lode a questo coraggioso che ha osato l’inosabile: pugnalare al cuore il femminismo

Onore a questo temerario.

 

Annunci

4 Responses to Lode ad un temerario: il prof. Strumia

  1. plarchitetto ha detto:

    https://alessandrostrumia.home.blog/?fbclid=IwAR1eK3bv4jHRPKe_vQCMpZYu6coA1IUURaLx842b9349Klz-uL_5u1v8NV0
    .
    Pare che il “nostro” sia un osso duro.
    O forse è la disperazione di un uomo ferito, che lo costringe a reagire in questo modo.
    In ogni caso, una cosa enorme in quest’epoca inquisitoria.
    Non più tardi d’una settimana fa veniva allontanato con disonore dal CERN (a guida femminile…giova ricordarlo).
    .
    http://www.ansa.it/canale_scienza_tecnica/notizie/ricerca_istituzioni/2019/03/07/cern-chiude-rapporti-con-strumia-dopo-presentazione-sessista-_b3d74ea6-635f-4350-b6a2-3e32e739836d.html
    .
    Quel “paper” pubblicato nel suo blog è interessante, oltre che per il contenuto, per il clima che racconta.
    Il nauseabondo silenzio del mondo accademico ufficiale, mentre si opera l’espulsione in fretta e furia d’un virus letale con quelle modalità.
    La poca solidarietà, espressa in forma anonima.
    La squallida opera di manganellatore squadrista da arte dei media.
    Che mi porta a ripetere: il caso Strumia ci riguarda tutti.
    E’ affar nostro.

    • RDV ha detto:

      Certo, il caso ci riguarda. Eccome. E’ emblematico di quel che denunciamo da sempre. Persino nei dettagli.
      .
      Anche Strumia ha capito cosa sta accadendo. Però ha atteso che gli arrivasse la tegola direttamente sulla testa.
      Purtroppo.

  2. plarchitetto ha detto:

    Ogni “omicidio eccellente” che si rispetti…indica il mandante.
    In una sorta di “salto di livello”, l’ardire di questo scienziato, l’ha obbligato a fare un passo falso, a lasciare le sue impronte.
    L’ha costretto ad esporsi, a mostrare il suo vero volto.
    Ora la “morte” di Strumia obbliga gli uomini alla battaglia, ovunque e con ogni mezzo di cui essi dispongano.
    La sua “riabilitazione” diviene affar nostro.

  3. RDV ha detto:

    Il tempo di pubblicare e giunge la notizia che è stato bannato dal Cern. Oggi si viene a sapere che sta per essere cacciato dall INFN e che è sotto inchiesta “morale” presso la sua università.
    Prof. Strumia: non si scusi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: